Benvenuti nel nostro sito

Benvenuti nel sito del Missionari dei Sacri Cuori del Santuario del Sacro Cuore di Gesù in Afragola, Na. Presenti dal 1907 si dedicano al servizio pastorale e missionario nella città di Afragola e in tutta la Diocesi di Napoli attraverso le missioni popolari, la catechesi e il sacramento della riconciliazione. Fondati da San Gaetano Errico (1791-1860) vivono la vita fraterna in comune e partecipano alla missione della chiesa con l'evangelizzazione e le opere di carità; continuano la missione dei primi missionari dell'amore misericordioso, andando verso ogni uomo per dirgli, con i fatti, che Dio è padre e lo ama. Nella città di Afragola, curano in particolar modo le opere caritative a favore delle famiglie disagiate del quartiere; si dedicano ai bambini con un programma di recupero scolastico e sociale offrendo una concreta e valida alternativa alla strada; accompagnano i giovani attraverso un serio programma di discernimento vocazionale, favorendo l'associazionismo e l'integrazione sociale; sostengono l'opera del movimento laicale e della consacrazione delle famiglie ai Sacri Cuori di Gesù e di Maria.                                                                                                       

                  VITA DEL SANTUARIO  2017

Per i servizi e i documenti degli anni precedenti, consulta l' archivio

Incontro di Catechesi del 27 gennaio, ore 21 : [ leggi la riflessione ]

AVVISI n. 1

Per i Ministri Straordinari: Convegno a Capodimonte il 28 e 30 gennaio [ vedi la locandina ]

Estrazione numeri vincenti della Lotteria dell'Epifania [ vedi la locandina ]

Adorazione Eucaristica del 19 gennaio ore 19.00

Convivenza del 7 e 8 gennaio a Sessa Aurunca: leggi la V riflessione e la VI riflessione

Convivenza del 7 e 8 gennaio a Sessa Aurunca: Liturgia Penitenziale [ leggi la riflessione ]

Convivenza del 7 e 8 gennaio a Sessa Aurunca: "La Preghiera Eucaristica" [ leggi la riflessione ]  [ vedi foto ]

Convivenza del 7 e 8 gennaio a Sessa Aurunca: "L'Eucarestia, fonte e culmine della vita cristiana"(leggi la riflessione)

Convivenza del 7 e 8 gennaio a Sessa Aurunca: "L'Eucarestia ci educa a scegliere bene il bene" [ leggi la riflessione ]

Epifania 2017 : Coro di voci bianche, diretto dalla maestra Angela : vedi foto

La Befana in piazza : vedi foto

La Parola del giorno

Mercoledì 18 Gennaio - II Settimana T.O. (Anno dispari) -

Dal Vangelo di Marco
Mc 2,23-28
Il sabato è stato fatto per l’uomo e non l’uomo per il sabato!.
In quel tempo, Gesù entrò di nuovo nella sinagoga. Vi era lì un uomo che aveva una mano paralizzata, e stavano a vedere se lo guariva in giorno di sabato, per accusarlo.
Egli disse all’uomo che aveva la mano paralizzata: «Àlzati, vieni qui in mezzo!». Poi domandò loro: «È lecito in giorno di sabato fare del bene o fare del male, salvare una vita o ucciderla?». Ma essi tacevano. E guardandoli tutt’intorno con indignazione, rattristato per la durezza dei loro cuori, disse all’uomo: «Tendi la mano!». Egli la tese e la sua mano fu guarita.
E i farisei uscirono subito con gli erodiani e tennero consiglio contro di lui per farlo morire

Riflessione

La prima lettura ci presenta la figura misteriosa di Melchisedek, e possiamo chiederci se Gesù, che è sacerdote, è tale a somiglianza di Melchisedek o se è Melchisedek fatto su modello di Gesù. In realtà nel testo ci sono tutte e due le prospettive: si dice che un altro sacerdote, cioè Cristo, è sorto a somiglianza di Melchisedek e il salmo citato dice testualmente: "Tu sei sacerdote per sempre al modo di Melchisedek", però, commentando questo testo, l'autore scrive che Melchisedek è stato fatto a somiglianza del Figlio di Dio.
Leggendo la Bibbia egli riconosce una prefigurazione di Cristo risorto in Melchisedek, che si presenta senza padre, senza madre. A meglio dire: la Scrittura non parla di loro e questo è molto strano per un sacerdote, perché nell'Antico Testamento per essere sacerdote era necessario appartenere a una famiglia sacerdotale e quindi era importante che si parlasse dei genitori. Ma di Melchisedek non si dice niente: non si nominano né il padre né la madre, non si dà nessuna genealogia, non si dice quando è nato né quando è morto.
In questa misteriosa figura l'autore vede con ammirazione una immagine di Cristo risorto, che non ha né padre né madre terrestre: la novità di vita della risurrezione non ha un'origine terrestre. Gesù risorto è Figlio di Dio anche nella sua natura umana e rimane così sacerdote in eterno.
Vediamo in questa descrizione l'atteggiamento dei primi cristiani alla lettura dell'Antico Testamento. Con gioia, con stupore anche talvolta, vedevano delinearsi in esso la figura di Cristo, ed era per loro causa di grande esultanza accorgersi che Dio aveva preparato la rivelazione di Cristo già da molto tempo. "il Nuovo è nascosto nell'Antico" dirà sant'Agostino, e Cristo venendo illumina tutto l'Antico Testamento. Le cose che sembravano misteriose e quasi inspiegabili diventano chiare perché si rivelano come una profezia di Cristo.
Anche noi siamo chiamati a leggere l'Antico Testamento in questa luce cristiana e a trovarvi una sorgente di grande consolazione spirituale, perché la nostra fede si approfondisce e ci rendiamo conto con gioia che Dio da sempre ha disposto tutte le cose e tutti gli avvenimenti per la glorificazione di Gesù suo Figlio.

[Per le altre letture consulta il sito: http://www.lachiesa.it]  

Sito iscritto a www.siticattolici.it
Consulta anche www.parrocchiasanmarcoafragola.it