Benvenuti nel nostro sito

Benvenuti nel sito del Missionari dei Sacri Cuori del Santuario del Sacro Cuore di Gesù in Afragola, Na. Presenti dal 1907 si dedicano al servizio pastorale e missionario nella città di Afragola e in tutta la Diocesi di Napoli attraverso le missioni popolari, la catechesi e il sacramento della riconciliazione. Fondati da San Gaetano Errico (1791-1860) vivono la vita fraterna in comune e partecipano alla missione della chiesa con l'evangelizzazione e le opere di carità; continuano la missione dei primi missionari dell'amore misericordioso, andando verso ogni uomo per dirgli, con i fatti, che Dio è padre e lo ama. Nella città di Afragola, curano in particolar modo le opere caritative a favore delle famiglie disagiate del quartiere; si dedicano ai bambini con un programma di recupero scolastico e sociale offrendo una concreta e valida alternativa alla strada; accompagnano i giovani attraverso un serio programma di discernimento vocazionale, favorendo l'associazionismo e l'integrazione sociale; sostengono l'opera del movimento laicale e della consacrazione delle famiglie ai Sacri Cuori di Gesù e di Maria.

       N.B.  Per i servizi preceallerydenti consultare l' Archivio 

VITA DEL SANTUARIO  2018

"Credo, Spero, Amo": Terza Convivenza a Sessa Aurunca (14 e 15 Aprile): Vedi servizio fotografico

Adorazione Eucaristica - Mandato Convivenza: Venerdì 14 Aprile ore 21:00 [ scarica il testo ]

AVVISI n.26 di p. Raffaele (settimana dal 15 al 22/04)

Via Crucis per il quartiere: venerdì 30 marzo h.19:30 [ vedi servizio fotografico ]

Sulla via della Croce: Via Crucis per le strade (Venerdì Santo) :  scarica il testo e poi stampalo come "Opuscolo"

Messaggio per la XXXIII Giornata della Gioventù: Domenica delle Palme [ leggi il messaggio ]

Adorazione Eucaristica Comunitaria del 22 Marzo, ore 19:00 [ scarica qui il testo ]

V Incontro di Formazione per il Gruppo Solidarietà [ leggi la riflessione ]

Programma della Settimana Santa [ puoi scaricare qui il Programma ]

Animazione Liturgica per la Veglia di Giovedì Santo [ scarica qui il testo ]

Animazione Liturgica Comunitaria : giovedì 15 Marzo, ore 19.00 ( scarica qui il testo )

IV Incontro di Formazione per i Settore della Solidarietà (martedì 27/02 alle ore 17.30) [ scarica la riflessione ]

"Tempo di Quaresima": passo dopo passo per un cammino di Conversione da fare nella Comunità Assemblea Liturgica, personale, familiare e nei Settori Gruppi [ scarica qui il documento ]

III Incontro di formazione per il Settore delluna Solidarietà : leggi la riflessione

Incontro Settori Giovani : leggi la riflessione

Programma Pastorale per il 2018

La Parola del giorno

Domenìca 15 Aprile  2018 - III Settimana di Pasqua  - (Anno B)

Dal Vangelo di Luca
Lc 24,35-48
Così sta scritto: il Cristo patirà e risorgerà dai morti il terzo giorno.

In quel tempo,  [i due discepoli che erano ritornati da Èmmaus] narravano [agli Undici e a quelli che erano con loro] ciò che era accaduto lungo la via e come avevano riconosciuto [Gesù] nello spezzare il pane.
Mentre essi parlavano di queste cose, Gesù in persona stette in mezzo a loro e disse: «Pace a voi!». Sconvolti e pieni di paura, credevano di vedere un fantasma. Ma egli disse loro: «Perché siete turbati, e perché sorgono dubbi nel vostro cuore? Guardate le mie mani e i miei piedi: sono proprio io! Toccatemi e guardate; un fantasma non ha carne e ossa, come vedete che io ho». Dicendo questo, mostrò loro le mani e i piedi. Ma poiché per la gioia non credevano ancora ed erano pieni di stupore, disse: «Avete qui qualche cosa da mangiare?». Gli offrirono una porzione di pesce arrostito; egli lo prese e lo mangiò davanti a loro.
Poi disse: «Sono queste le parole che io vi dissi quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella legge di Mosè, nei Profeti e nei Salmi». Allora aprì loro la mente per comprendere le Scritture e disse loro: «Così sta scritto: il Cristo patirà e risorgerà dai morti il terzo giorno, e nel suo nome saranno predicati a tutti i popoli la conversione e il perdono dei peccati, cominciando da Gerusalemme. Di questo voi siete testimoni».

Riflessione (da www.lachiesa.it)

Gesù, venendo nel mondo, aveva come scopo ultimo della sua vita la salvezza dell’umanità. Per questo, oltre che preoccuparsi di operare la salvezza degli uomini per mezzo della sua passione, morte e risurrezione, provvide a far giungere la salvezza a tutti i popoli della terra per mezzo dell’opera della Chiesa. A tale scopo, fin dall’inizio della sua vita pubblica, si scelse dei discepoli perché stessero con lui, perché, vivendo con lui, seguendo i suoi esempi e le sue istruzioni, fossero formati per diventare suoi testimoni qualificati tra le genti. Gesù li formò innanzitutto alla sottomisione alla volontà del Padre, cioè all’amore della croce e allo svuotamento di se stessi (Mt 16,24-25) e li consacrò alla salvezza delle anime (Gv 17,18-20). Apparendo ai suoi apostoli, dopo la sua risurrezione, Gesù completò la formazione e l’insegnamento dato ai suoi discepoli; rivelando loro la verità del Vangelo, dette una pratica dimostrazione della realtà della vita eterna. Aprì in tal modo le loro menti alla comprensione delle Scritture e dei suoi insegnamenti, per renderli suoi testimoni autentici (cf. At 2,21-22), perché per mezzo loro la sua salvezza arrivasse a tutti gli uomini. Ogni cristiano oggi è chiamato a diventare un testimone autentico di Gesù, rivivendo in se stesso il mistero pasquale. La sua formazione cristiana è completa quando la sua vita si apre generosamente all’opera di evangelizzazione e di salvezza dei fratelli. 

 [Per le altre letture consulta il sito: http://www.lachiesa.it]  

Sito iscritto a www.siticattolici.it
Consulta anche www.parrocchiasanmarcoafragola.it